Come faccio a farmi scegliere?

Come faccio a farmi scegliere

Come faccio a farmi scegliere? Quante volte ti sei fatto questa domanda?

Per rispondere a questa domanda devi  prima rispondere ad altre 4 domande, le 4 domande del fare:

  1. Cosa faccio?
  2. Perché lo faccio?
  3. Come lo faccio?
  4. Per chi lo faccio?

Cosa faccio?

E’ la domanda più importante perché nella risposta è contenuta la definizione  dei servizi/prodotti che sei in grado di offrire.

Immaginiamo che tu abbia deciso di vendere pizza.

Basta dire vendo pizza per definire la tua offerta? Quanti altri vendono pizza? Che tipo di pizza vendono? Al piatto, al taglio, da asporto? Alta, bassa? Cotta nel forno a legna o in quello elettrico? A pranzo, a merenda, a cena, di notte? Con consegna a domicilio? In che tipo di locale? In che zona della città?

Perché lo faccio?

Cosa ti spinge a vendere pizza? Perché sai che piace a tutti? Perché in tempo di crisi comunque a mangiare una pizza ci vanno in tanti? Perché pensi che ci sia un alto margine di guadagno? Oppure perché conosci una ricetta che ti permette di offrire una pizza migliore della solita pizza?

Lavorare sulle motivazioni per cui vuoi fare qualcosa ti permette di definire meglio meglio cosa offri perché ti permette di focalizzarti sui bisogni che vuoi soddisfare con la tua offerta.

Per chi lo faccio?

Una volta che hai capito perché vuoi vendere pizza hai anche capito a chi vuoi vendere pizza.

Ti rivolgi ai bambini e agli adolescenti che cercano qualcosa per fare merenda? Oppure alle comitive che cercano un locale alla moda in cui stare in compagnia mangiando qualcosa tutti insieme? O alle famiglie che escono a cena fuori il fine settimana? E se invece vuoi rivolgerti alle persone meno giovani come devono essere la tua pizza e il tuo locale?

Come lo faccio?

Quando avrai chiarito a chi ti rivolgi avrai anche definito come devi produrre e come devi offrire la tua pizza perché risulti più interessante per il tuo pubblico rispetto a quella della concorrenza.

In altre parole avrai preso coscienza di come vuoi far sentire chi entrerà nel tuo locale a mangiare la tua pizza e avrai compreso cosa devi fare per far vivere loro l’esperienza che desideri.

Come faccio a farmi scegliere?

E veniamo alla domanda da cui siamo partiti “Come faccio a farmi scegliere?”

Quando hai definito correttamente cosa fai, perché lo fai, per chi lo fai e come lo fai, devi imparare a raccontarlo alle persone da cui vuoi essere scelto.

Ossia devi imparare a raccontare loro le cose che ti riguardano in modo tale che, ancor prima di entrare nel tuo locale, comincino a percepire l’unicità della tua pizza.

Un modo può essere raccontare la tua storia e perché hai deciso di vendere pizza. Puoi arricchire il racconto con immagini del tuo locale e delle fasi di lavorazione della pizza. Puoi raccontare le origini di ogni pizza che proponi, la storia e le caratteristiche nutrizionali di ogni componente che hai scelto. Puoi educare le persone al consumo corretto della pizza, agli abbinamenti più salutari.

Se ti rivolgi ai giovani puoi parlare di argomenti di loro interesse legati all’alimentazione, ma anche ad altre attività che possono ampliare la tua offerta, come ad esempio la musica che potranno ascoltare, le birre che potranno accompagnare alla pizza.

Dove puoi raccontare tutto questo? Su un blog a cui darai visibilità attraverso i canali social più frequentati dai tuoi clienti, senza dimenticarti che lo stesso racconto deve diventare una parte integrante del tuo modo di offrire la pizza all’interno del tuo locale, a partire dal menù e dal modo in cui proponi i tuoi piatti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *